Waddingtons 2001 The Game Machine

CATEGORIE

Waddingtons 2001 The Game Machine è un gioco elettronico uscito nel 1978. Attraverso una tastiera composta da 20 tasti circolari era possibile giocare a ben quattro diversi giochi: Shooting Gallery (un gioco di rapidità), Black Jack 21, Code Hunter (una specie di Mastermind) e Auto Race (un gioco di corse). Sulla grande cornice dove al centro era posizionato il vero piccolo schermo Vfd a 12 elementi, era possibile posizionare delle plastiche con le grafiche di ogni singolo gioco. Analogamente sulla tastiera era possibile posizionare le corrispondenti maschere con i riferimenti dei singoli tasti da utilizzare per giocare. Un altoparlante permetteva di ascoltare anche dei suoni che rendevano l’esperienza di gioco più divertente.
Il gioco poteva anche essere utilizzato come calcolatrice.

Prodotto dall’azienda Waddingtons House of Games Inc. (nel manuale si fa riferimento alla sede americana) come House of Games venne immessa sul mercato anche una versione portatile con il nome Mini Game Machine (cambiando il nome del gioco Shooting Gallery in Sub Hunt) e anche una seconda versione del The Game Machine con il nome Electronic Game Machine 2. Questa nuova versione venne realizzata con plastiche di colore rosso e il piano della tastiera di colore blu al posto dei più classici nero e grigio utilizzati nella prima versione.

Giocare, come detto, era molto divertente, non solo per i quattro diversi giochi inclusi estremamente ben fatti, ma anche per il particolare formato costruttivo che lo faceva sembrare, agli occhi dei bambini, un vero computer del futuro. Siamo in effetti ancora alla fine degli anni Settanta. La giocabilità era comunque eccezionale come le difficoltà crescenti: il suono, anche se elementare, era inoltre veramente molto coinvolgente.

Altri post dal Blog

Izen Combine

Izen Combine, nome originale I-Zen Tank, è un mezzo tratto dalla serie anni settanta giapponese “tokusatsu“ I-Zenborg. Il termine tokusatsu significa effetti speciali e viene

Leggi tutto »

Nintendo Virtual Boy

Mentre le grandi aziende stanno investendo milioni nello sviluppo di applicazioni virtuali e del relativo hardware (con il Meta Quest Pro forse su tutti), il

Leggi tutto »
error: Contenuto protetto per motivi di Copyright