MB Stay Alive (Il trabocchetto)

CATEGORIE

Cosa c’è di meglio, dopo pranzo nel weekend, di una bellissima partita ad un gioco da tavolo?

Parliamo di Stay Alive, prodotto nel 1971 negli Usa dalla Milton Bradley e pubblicizzato come “The ultimate survival game”, l’ultimo gioco di sopravvivenza. Da noi in Italia arriva qualche anno dopo, all’inizio degli anni Ottanta, e diventa subito un gioco cult: con il nome “Il trabocchetto, il gioco in cui, se sopravvivi, vinci”, garantisce sfide emozionanti ricche di strategie e colpi di scena.

La plancia di gioco è costituita da un tabellone 7×7 con 49 fori e ventotto cursori che possono essere spostati in una delle tre posizioni prestabilite (superiore, centrale, inferiore) per aprire i sette fori (i trabocchetti) sui quali ognuno agisce.

Ogni giocatore, fino a quattro partecipanti, muove a turno uno dei cursori posizionati sui quattro lati della plancia di gioco. Unici limiti sono non muovere il cursore appena spostato dall’avversario e muoverlo solo di una posizione alla volta. Muovendo i cursori con strategia è possibile aprire i fori per fare cadere le biglie degli avversari. Importante, però, cercando di salvare le proprie. Scopo del gioco è difatti rimanere l’ultimo giocatore con ancora una biglia salva sulla plancia di gioco.

Giocare era molto divertente, specialmente quando si muovevano i cursori senza sapere quale biglia sarebbe effettivamente caduta: quella dell’avversario… o la nostra? Veramente emozionante.

Dopo l’ultima edizione del 2002, il gioco è stato ripubblicato nel 2005 con una plancia più piccola, con sole venti leve, dalla Winning Moves Games USA (WMUSA). L’azienda è uno dei principali produttori di giochi da tavolo, giochi di carte e puzzle, nata nel 1995 legando il proprio nome proprio ad Hasbro, proprietaria di Parker Brothers e Milton Bradley. Molti giochi “long term” di questi due brand sono stati commercializzati proprio dalla WMUSA.

In Italia “Il trabocchetto” è stato commercializzato in diverse edizioni caratterizzate da diverse grafiche sulla scatola e, sul finire, con una plancia di gioco arrotondata e quindi dal design più moderno e piacevole. Le versioni “ridotte” hanno seguito lo stesso restyling.

Da notare come inizialmente le biglie fossero venti (cinque per colore) mentre sul finire passarono a ventiquattro (sei per colore).

E’ doveroso invece ricordare come oggi sul mercato si possono trovare le versioni del gioco “vintage” come delle versioni moderne prodotte da aziende terze: “Trappola” della Kidz corner e “L’insidia” della Globo, entrambe caratterizzata da una plancia con ventiquattro leve.

Altri post dal Blog

Bai Bian Car Brick

Girando per i mercatini dell’usato mi sono imbattuto in un piccolo gioco portatile dall’aria vintage che, onestamente, non conoscevo. Niente scatola, niente istruzioni e niente

Leggi tutto »

Architettura ludica

Esiste un libro che parla di architettura applicata al mondo dei giocattoli vintage? Un tema certamente molto affine al nostro progetto di Giocattoli per passione

Leggi tutto »
error: Contenuto protetto per motivi di Copyright