Milton Bradley Matrix

CATEGORIE

Primo restauro effettuato. Si tratta del mitico Matrix della Milton Bradley giunto in condizioni disperate nel nostro piccolo ma efficiente laboratorio. Commercializzato a partire dal 1981 come Genius nel Regno Unito e Flash-Wits negli States, Matrix – questo è il suo nome europeo – è un tipico puzzle game. Scopo del gioco è posizionare le otto tesserine nella corretta sequenza. Gli spostamenti sono permessi in senso orizzontale e verticale ma con la limitazione di avere un solo posto libero da sfruttare per ogni movimento. Collocata nella loro posizione esatta, ogni tesserina viene illuminata da un piccolo led rosso: il gioco finisce, e il puzzle viene risolto, una volta accese tutte le tesserine contemporaneamente, a significare che sono tutte nella loro esatta posizione.

Il gioco è chiaramente ispirato al classico “Gioco dei quindici”, creato nel 1874 da Noyes Palmer Chapman, con la differenza che nel gioco originale le tesserine sono appunto quindici e sono numerate: obiettivo, in questo caso, era posizionarle proprio per numero. In Matrix il gioco, semplificato per via del numero ridotto di tessere, è complicato dal fatto che le tessere sono tutte uguali e si illuminato solo quando vengono correttamente posizionate.

Giunto in condizioni pessime, è stato comunque facile smontarlo. La pulizia ha richiesto diverso tempo in quanto vi erano, sulle plastiche di colore giallo, degli antiestetici segni neri da trascinamento. Per l’elettronica è bastata una pulizia e il solito controllo dei circuiti, specialmente nei punti di maggior usura. Ma tutto era a posto.

Sono state invece recuperate e restaurate le etichette originali e provveduto ad un montaggio accurato per evitare i falsi contatti: il gioco sfrutta infatti la pressione di ogni tessera in diversi punti su una sorta di multistrato conduttivo: questa pressione permette al gioco di accendere le luci in corrispondenza della tesserina corretta. Un circuito molto elementare quanto efficace per intrattenere grandi e piccini.

Un giocattolo storico che ritorna al suo splendore originale. Inserite due pile AA siamo pronti per una bella partita!

Altri post dal Blog

Bai Bian Car Brick

Girando per i mercatini dell’usato mi sono imbattuto in un piccolo gioco portatile dall’aria vintage che, onestamente, non conoscevo. Niente scatola, niente istruzioni e niente

Leggi tutto »

Architettura ludica

Esiste un libro che parla di architettura applicata al mondo dei giocattoli vintage? Un tema certamente molto affine al nostro progetto di Giocattoli per passione

Leggi tutto »
error: Contenuto protetto per motivi di Copyright