Giochi dei grandi

CATEGORIE

“Volevamo stupirvi con effetti speciali…”. E’ con questa frase che nel 1991 veniva presentato il catalogo generale della “I Giochi dei Grandi”, azienda veronese specializzata in role-playing, wargames e relativi accessori.

Edizione realizzata anche per festeggiare i 10 anni dell’azienda, il “catalogo” era la guida di settore più completa in Italia. Nessun catalogo in quegli anni (dimentichiamoci l’online) riportava difatti in dettaglio la durata di un gioco, le dimensioni delle mappe, il livello di complessità e diversi dettagli. I listini erano, come citato nel catalogo, “fredde sequenze di codici, titoli e prezzi”.

All’epoca il famoso “Dungeons & Dragons” stava vendendo oltre 70.000 copie (addirittura 30.000 nei soli primi nove mesi dal lancio) e molti giochi editi in America stavano arrivando tradotti in italiano. Aprivano i primi negozi gestiti da appassionati desiderosi di investire in un settore straordinario in rapida crescita.

Ma quando la crescita e l’innovazione è repentina, nascono i problemi: in un modo ricco di proposte creative dove la fantasia è l’ingrediente principale, per coloro abituati ai giochi tradizionali da tavolo può risultare di difficile comprensione. Molti commercianti si trovarono impreparati, costretti ad affidarsi ai pochi distributori che proponevano le scatole e gli accessori da acquistare.

La “I Giochi dei Grandi” pensò a questo catalogo anche per loro: venne realizzata una “guida pratica per l’acquisto” dedicata sia ai giocatori, che questi prodotti acquistano, sia per i rivenditori che li devono conoscere per venderli. Un progetto ambizioso ed onorevole.

Due erano le strade: creare due diversi cataloghi (per i giocatori, e per i commercianti) oppure realizzare un catalogo unico. La seconda scelta fu quella vincente anche per risolvere un annoso problema: riunire giochi destinati alla più larga distribuzione con altri rivolti ad una limitata nicchia di veri appassionati. Per agevolare i commercianti i prodotti erano addirittura contrassegnati da alcuni simboli per indicare il grado di vendibilità. Geniale!

Oggi la “I Giochi dei Grandi” vende ancora al dettaglio e all’ingrosso, ed è presente, oltre con il negozio di Verona, anche online e sui social. Importa e distribuisce da quasi 40 anni un’incredibile assortimento di prodotti tra i quali: giochi da tavolo, giochi di ruolo, wargames, giochi di carte collezionabili (Magic, Yu-Gi-Oh, Pokémon, ecc.), miniature, dadi, riviste specializzate, puzzles, carte da magia, rompicapo, eccetera. Con un catalogo online che comprende oggi oltre 19.000 articoli, l’azienda propone uno dei più vasti assortimenti europei nel settore. E lo spirito del “Catalogo Generale 1991/1992” si respira ancora oggi.

Può sembrare pubblicità? Può essere. Pensiamo meritasse un accenno in quanto pionieri lungimiranti meritevoli di un sentito ringraziamento.

Altri post dal Blog

Bai Bian Car Brick

Girando per i mercatini dell’usato mi sono imbattuto in un piccolo gioco portatile dall’aria vintage che, onestamente, non conoscevo. Niente scatola, niente istruzioni e niente

Leggi tutto »

Architettura ludica

Esiste un libro che parla di architettura applicata al mondo dei giocattoli vintage? Un tema certamente molto affine al nostro progetto di Giocattoli per passione

Leggi tutto »
error: Contenuto protetto per motivi di Copyright